+41 91 825 11 92 info@edentswiss.ch
Seleziona una pagina

Chirurgia orale

Implantologia

Conservativa ed Estetica

Ortodonzia

Tecnologia

Igiene e Sbiancamento

Medicina dentaria pediatrica

EdentSwiss

091 825 11 92

Viale Stazione, 32 – 6500 Bellinzona

info@edentswiss.ch

}

da Lun. a Ven.  7.30 – 19.00
Sabato  8:00 – 14:30

IMPLANTOLOGIA

Gli impianti dentali sono dei dispositivi costruiti in materiale altamente biocompatibile (titanio o zirconio) che sostituiscono le radici dei denti .

Attraverso gli impianti è possibile:

– sostituire un singolo dente mancante senza coinvolgere i denti naturali vicini con grande risparmio biologico.
– inserire anche più impianti in arcate parzialmente o totalmente edentule, andando a ripristinare la masticazione con protesi fisse o ancorate ma rimovibili.

Nel nostro studio la scelta della giusta soluzione implantologica–protesica viene sempre fatta attraverso un ampio ed esaustivo confronto con il paziente già nella prima visita, tenendo conto delle sue aspettative cliniche ed economiche fra i dentisti di Bellinzona possiamo, a ragione, ritenere il nostro studio un ambulatorio di eccellenza per quanto riguarda l’implantologia dentale.

Inoltre prima dell’inserimento di uno o più impianti vengono accuratamente valutati una serie di criteri clinici:
– SPECIFICI: che riguardano il cavo orale
– GENERALI: che riguardano lo stato di salute e le abitudini del paziente

 

CRITERI SPECIFICI

  • densità dell’osso
  • altezza e spessore dell’osso, anche in caso di carenza ossea siamo in grado di inserire comunque degli impianti :
    o utilizzando dell’osso sintetico o effettuando dei rialzi del seno mascellare. In entrambi i casi lo scopo è quello di recuperare spessore osseo.
  • Valutazione specifiche relativamente a struttura, conformazione e posizione di alcuni importanti elementi anatomici quali per esempio: il canale mandibolare dove decorre il nervo mandibolare e il seno mascellare che rappresenta una cavità a livello dell’osso mascellare.
  • tipi e n° di denti da sostituire.
  • tipologia della protesi da applicare sopra gli impianti.
  • posizione, forma e condizioni dei denti vicini all’impianto.
  • tipo di masticazione e di occlusione del paziente.
  • situazione clinica dei tessuti molli e delle gengive: si verifica in particolare la presenza di lesioni che potrebbero determinare problemi al processo di osteointegrazione.

 

CRITERI GENERALI

  • livello di igiene orale del paziente: nel caso di una scarsa attitudine all’igiene orale, il paziente deve essere motivato e deve essere edotto con precisione sui rischi di insuccesso dovuti a scarsa collaborazione igienica e sulle tecniche di igiene orale necessarie.
  • abitudini del paziente: abitudini alimentari, fumo (che è altamente deleterio per gli impianti dentali), utilizzo di farmaci (in particolare bifosfonati), presenza di patologie (ad esempio diabete , patologie cardiovascolari).
  • età: in effetti non esistono precise indicazioni relative all’età, tutto dipende dalle condizione sopra descritte; in generale comunque è buona norma non inserire impianti in pazienti molto anziani con elevato grado di riassorbimento osseo ed in pazienti giovani che non hanno ancora terminato lo sviluppo osseo.

 

INTEGRAZIONE DI UN IMPIANTO E RIGENERAZIONE DELL’OSSO

Per ottenere una buona osteintegrazione bisogna avere una buona quantità di osso sia in spessore che in altezza. Se le condizioni dell’osso non sono adeguate, nel nostro studio applichiamo tecniche di rigenerazione ossea guidata che permettono di creare osso dove manca. Utilizziamo normalmente, da diversi anni, un osso sintetico di altissima qualità che ci ha sempre dato ottimi risultati. In particolare quando facciamo questo tipo di interventi la zona di rigenerazione ossea viene isolata con una membrana specifica che favorisce l’attività delle cellule rigenerative del tessuto osseo (osteoblasti e osteoclasti)

PRIMA FASE: immissione dell’impianto

In questa fase l’esperienza dell’operatore è fondamentale, per ogni singolo impianto devono essere rispettati criteri di posizione, inclinazione e profondità nell’osso.

SECONDA FASE: osteointegrazione

L’integrazione dell’impianto nell’osso dipende da vari fattori:

– qualità degli impianti: nel nostro studio vengono inseriti dispositivi implantari di alta gamma che danno massima garanzia per quanto riguarda l’osteoconnessione (contatto intimo fra osso e impianto); il trattamento delle superfici e la forma.

– tecnica di inserimento : è fondamentale per esempio evitare temperature di lavoro troppo alte (max 40 C°) che danneggerebbero le cellule ossee compromettendo l’osteointegrazione. Cosi come si deve rispettare una linea di inserimento più ortogonale possibile rispetto al piano occlusale per una ottimale distribuzione dei carichi masticatori.

– in generale il tempo di osteointegrazione è maggiore nell’arcata superiore (8-9 settimane) che nell’arcata inferiore (7-8 settimane) . Questo perché nella arcata inferiore l’osso è più denso e le corticali sono più spesse.

TERZA FASE: carico dell’impianto

Non bisogna assolutamente avere fretta di caricare gli impianti perchè delle sollecitazioni precoci innescano una inibizione della formazione di nuovo osso, mentre favoriscono la proliferazione del tessuto connettivo con conseguente fibrosi peri implantare e perdita dell’impianto:

  • 7-8 settimane per arcata inferiore
  • 8-9 settimane per arcata superiore

una volta inserite le protesi sugli impianti e necessario un controllo minuzioso dell’occlusione , che deve essere uniforme e senza precontatti per assicurare la corretta distribuzione dei carichi masticatori.

Nel nostro studio le protesi implantari non sono cementate bensì avvitate sopra gli impianti. In questo modo i dispositivi protesici possono essere svitati senza traumi per gli impianti sottostanti e quindi è possibile effettuare dei controlli senza problemi. Nel caso di parti protesiche cementate sugli impianti, per una ispezione, sarebbero necessarie forti sollecitazioni con il martelletto decementante per staccare le protesi.

Se cerchi un dentista a Bellinzona che ti dia adeguate garanzie per la buona riuscita dei tuoi impianti, rivolgiti a noi per un parere professionale serio e preciso.

 

CORRETTA IGIENE PER I PAZIENTI PORTATORI DI IMPIANTI

La presenza di impianti dentali e delle protesi implantari necessita di alcuni importanti accorgimenti da parte dei pazienti

– Fondamentale rispettare i controlli previsti dal dentista che nel caso di impianti avvitati puo decidere di effettuare una verifica clinica più approfondita semplicemente togliendo le viti che mantengono fissa la parte protesica.

– A casa: è necessario utilizzare regolarmente lo spazzolino per asportare i residui di cibo e per massaggiare le gengive in particolare nella zona degli impianti. Molto importante fare uso di specifici scovolini che aiutano a tenere pulite le zone fra dente e dente. Infine l’idropulsore dentale, con il suo getto di acqua intermittente , magari con l’aggiunta di colluttorio disinfettante, facilita la rimozione della placca e abbassa il livello microbico.

Nel nostro studio rendiamo edotto ogni paziente sul come prendersi cura dei propri impianti dentali e sulle parti protesiche associate.