+41 91 825 11 92 info@edentswiss.ch
Seleziona una pagina
EdentSwiss

091 825 11 92

Viale Stazione, 32 – 6500 Bellinzona

info@edentswiss.ch

}

da Lun. a Ven.  7.30 – 19.00
Sabato: 8.00 – 14.30

TECNOLOGIE E MATERIALI

STERILIZZAZIONE

 

Nel nostro studio, l’attività di sterilizzazione degli strumenti è soggetta a rigidi controlli e viene effettuata dalle nostre assistenti che rispettano delle precise fasi procedurali. Queste procedure rispecchiano i protocolli internazionali e sono la massima garanzia x i pazienti in ambito igienico e sterile.
Nella pratica quotidiana, sono previste diverse fasi di lavoro:

1. La decontaminazione, che consiste nell’immersione degli strumenti in un liquido battericida.
2. La detersione, che è preceduta da uno spazzolamento manuale per eliminare al meglio i residui di sangue e di materiali
3. Il lavaggio, necessario per pulire gli strumenti da tutti i residui anche dei prodotti precedentemente utilizzati, dopo il lavaggio si effettuano un risciacquo e asciugatura. Nel nostro studio le fasi di lavaggio, risciacquo e asciugatura vengono eseguite in un termodisinfettore che prepara al meglio gli strumenti per la sterilizzazione.
4. L’imbustamento è ermetico così da permettere il mantenimento della sterilità degli strumenti il più a lungo possibile. Nel nostro studio la scadenza della sterilità all’interno delle buste è fissata a trenta giorni.
5. La sterilizzazione viene eseguita in autoclave di classe B a vuoto frazionato, con azione battericida e sporicida integrale. Dopo la sterilizzazione ogni busta viene marcata con un’etichetta che riporta:
– data di sterilizzazione e data di scadenza sterilità
– operatore che ha eseguito la sterilizzazione
– numero del ciclo di sterilizzazione
6. Lo stoccaggio degli strumenti avviene in appositi contenitori. Da cui vengono prelevati x rientrare nel normale ciclo di lavoro.

RADIOLOGIA

 

Nel nostro studio abbiamo le necessarie apparecchiature radiologiche per effettuare le diagnosi più corrette e accurate.
In particolare abbiamo in dotazione :
• un’apparecchio mobile per radiografie endo orali. Questo apparecchio rispetto ai normali endo orali fissi ha una dispersione molto più bassa.
• una ortopantomografia per l’analisi radiografica di tutti i denti e delle ossa mascellari
• eseguiamo anche radiografie sezionali (Bitewins) che ci permettono di individuare in maniera puntiforme i processi cariosi più nascosti posti fra dente e dente.
• nel nostro studio viene sempre utilizzato il centratore di Rinn che assicura la corretta direzione ortogonale del fascio in modo da evitare distorsioni dovute all’errato posizionamento del cono di radiografia rispetto alla pellicola posta nel cavo orale del paziente.
• vengono eseguite anche radiografie latero laterali o teleradiografie per la programmazione degli interventi ortodontici nei bambini e anche negli adulti.

TECNOLOGIA CAD CAM E IMPRONTA DIGITALE

La moderna odontoiatria si avvale in misura sempre maggiore dei progressi derivati dalla digitalizzazione. Molti settori  odontoiatrici hanno avuto impulso dal mondo dell’informatica: la diagnosi per esempio viene supportata sempre più frequentemente da immagini radiologiche ottenute da TAC (tomografia assiale computerizzata), i progetti terapeutici implantari si avvalgono di sofisticati software che elaborano queste informazioni consentendo di prefigurare gli interventi chirurgici nei più piccoli dettagli. In campo odontotecnico si sono diffuse tecniche sia CAD che CAM per costruire protesi totalmente con mezzi digitali. Negli ultimi tempi si sono diffusi scanner ottici digitali che consentono di rilevare “impronte digitali” sostituendosi così alle impronte tradizionali eseguite con i materiali che registrano le forme dei denti indurendosi nella bocca del paziente.

LASER

In Edent Swiss, utilizziamo un laser a diodi blu, con una lunghezza d’onda di circa 450 nm. Grazie a questa tipologia di laser si possono applicare le tecniche più avanzate nel trattamento dei tessuti molli in ambito dentale. La nostra ampia esperienza in questo campo, ci permette di utilizzare il laser per trattamenti chirurgici, endodonzia, lesioni alle mucose orali, gengivoplastica, sbiancamenti, paradontologia. In particolare per i trattamenti del paradonto (che è il legamento che tiene i denti infissi nell’osso) il laser è veramente molto efficace, abbiamo visto che , dopo il trattamento, denti con grande mobilità ritornano fissi e rimangono funzionali ancora per molto tempo.
Attraverso i trattamenti laser abbiamo risolto casi di piorrea e di mobilita avanzata. Il pratica il laser permette di salvare denti che normalmente verrebbero estratti. La recessione delle infiammazioni gengivali e paradontali è praticamente immediata e i pazienti percepiscono immediatamente un notevole miglioramento.

UNA IMPORTANTE ECCELLENZA CHE POSSIAMO OFFRIRVI NEL NOSTRO STUDIO E LA CHIRURGIA PIEZOELETTRICA.

Con questa tecnica si possono eseguire interventi chirurgici sia sui denti che sull’osso con estrema delicatezza, precisione e grande rispetto dei tessuti,

in questa metodica viene utilizzato il cosiddetto “trapano elettronico intelligente” che invece di ruotare e vibrare come un trapano tradizionale; attraverso gli ultrasuoni esegue delle micro oscillazioni che rendono le sedute odontoiatriche molto piu confortevoli per i pazienti.

I vantaggi della chirurgia piezoelettrica sono molteplici e qui cerchiamo di spiegarveli in modo semplice ed intuitivo:

    1. Il trapano piezoelettrico esegue il taglio chirurgico attraverso degli ultrasuoni con delle micro oscillazioni che arrivano ad un massimo di circa 200 micrometri contro oscillazioni di circa 1200 micrometri dei trapani tradizionali. Abbiamo quindi una minore vibrazione in fase di taglio che e’ più preciso, ne consegue una minore perdita di osso:
       
      /\/\/\/\/\/\ taglio con trapano tradizionale
      —————- taglio con trapano piezoelettrico
       
      inoltre grazie proprio a queste micro oscillazioni le punte di taglio (o inserti) rimangono sempre costantemente pulite dai detriti ossei con una migliore visibilità della linea di taglio e con una migliore efficacia del taglio stesso.
      Infine la temperatura di lavoro con il trapano piezoelettrico è di 30 C°, di molto inferiore rispetto alle temperature raggiunte con i trapani tradizionali; si ha cosi una necrosi ossea decisamente inferiore e una rigenerazione del tessuto osseo più veloce.
    1. Per potere effettuare il taglio dell’osso, il dentista:
      • con il trapano tradizionale deve esercitare una forza media di 2-3 kg
      • con il trapano piezoelettrico e’ sufficiente applicare una forza media di 0,5 kg perche’ lo strumento aumenta automaticamente le micro-oscillazioni quando incontra una struttura più dura. La conseguenza vantaggiosa e’ che il taglio è più fluido e più accurato , il paziente ha una sensazione di maggiore confort e anche minore dolore post operatorio, grazie proprio all’azione minimamente invasiva.

       

    2. Taglio selettivo: la FREQUENZA delle micro oscillazioni generate dai trapani piezoelettrici è di circa 25-29 kHZ che sono efficaci solo per tagliare l’osso. Per tagliare i tessuti molli sono necessarie frequenze superiori a 50 kHZ. Questo vuole dire che i tessuti molli come: gengive, legamento alveolo dentale (quello che mantiene i denti infissi nell’osso) e sopratutto nervi, sono rispettati e anche in caso di contatto involontario non vengono danneggiati. Si pensi invece cosa può succedere se accidentalmente una fresa montata su un trapano tradizionale va in contatto con i nervi mandibolare o mascellare: avremmo certamente una lesione più o meno grave fino ad una parestesia irreversibile. Grazie alla tecnica piezoelettrica, anche le membrane sinusali (che rivestono il seno mascellare) essendo di tessuto molle, sono esenti da traumi, con conseguente diminuzione del rischio in caso di attività chirurgica eseguita in zona del seno mascellare.
  1. L’utilizzo del manipolo piezoelettrico necessita la presenza di una soluzione fisiologica in forma di AEREOSOL con funzione di raffreddamento dei tessuti trattati. Grazie agli ultrasuoni e alla presenza della soluzione fisiologica, si produce il fenomeno fisico della CAVITAZIONE con formazione di bolle di vapore che frantumandosi per implosione rilasciano O2 e sterilizzano l’area di taglio. Inoltre tali implosioni svolgono una azione meccanica di pulizia che rende il campo operatorio privo di sangue. L’effetto aereosol diminuisce il rischio di enfisema sottocutaneo (accumulo di aria in un tessuto) rispetto all’effetto spray aria-acqua che si genera durante l’utilizzo di un trapano tradizionale, grazie anche a questo la neoformazione dell’osso operato è più efficiente con diminuzione del gonfiore e del disagio post operatorio.

Nel nostro studio utilizziamo la tecnica piezoelettrica in diverse applicazioni chirurgiche:

a)PARADONTOLOGIA: si ha la garanzia di massima conservazione del legamento paradontale che fissa il dente all’alveolo e che essendo di tessuto fibroso (molle) non viene leso dall’azione ultrasonica del trapano piezoelettrico

b) CHIRURGIA ENDODONTICA: in particolare il sezionamento con recisione degli apici radicolari è più preciso e quindi si crea una cavità radicolare più adeguata per il contenimento del materiale da otturazione.

c) ESTRAZIONE DI DENTI:
– per i denti inclusi nell’osso si ha garanzia della minima asportazione di tessuto osseo
– per i denti situati in posizioni particolari si ha la garanzia di non lesione dei tessuti molli vicini: ad esempio i denti del giudizio inferiori in contatto con il nervo mandibolare, o i denti sinusali in prossimità della delicatissima membrana sinusale che riveste il seno mascellare (che deve essere assolutamente preservata per evitare infiammazioni sinusali o peggio sinusiti).

d) ESTRAZIONE DI GERMI DENTARI: eseguite normalmente su piccoli o giovani pazienti, spesso poco collaboranti necessitano di una tecnica chirurgica più soft, di maggiore confort e meno invasiva possibile.

e) CHIRURGIA IMPLANTARE: permette di inserire gli impianti in condizioni più adeguate, favorendo l’aumento del volume dell’osso:
– nell’arcata inferiore è più facilitato l’allargamento della cresta ossea
– nell’arcata superiore si possono effettuare rialzi del seno mascellare senza rischiare di ledere la membrana che riveste e isola il seno mascellare.